AUTORIZZATA PERIZIA SUI SIERI ANTICOVID cosiddetti a mRNA: ACCADE A PESARO

“I VACCINI CAUSANO UNA BIPOLARITA’ INFETTIVA ALL’INTERNO DELLA CELLULA” : “E’ UNO SHOCK PER IL MONDO SCIENTIFICO” Sono le parole del consulente tecnico di parte, il dott. Raffaele Ansovini.

Succede a Pesaro nel processo civile avviato da un 50enne che dopo aver contratto il virus ha rifiutato la vaccinazione. Sanzionato dall’Asur l’uomo ha agito in giudizio. Nelle tappe scandite dal codice di procedura civile, l’avvocato Nicoletta Morante legale dell’uomo, ha depositato una consulenza tecnica di parte sui sieri e la notizia è che il Giudice l’ha ammessa. Adesso forse sarà possibile aprire le siringhe svuotarle e vedere cosa c’è dentro questi sieri e come funzionano davvero, andando oltre le parole dei loro venditori.

A firmare la consulenza tecnica il dott. Raffaele Ansovini, medico,  ricercatore e uomo di scienza che da 30 anni studia i virus e vaccini e che su queste vaccinazioni non ha alcun dubbio: vanno fermate.

Il dott. Ansovini afferma anche, e lo fa sempre con forza che quanto accade nella cellula a causa di questi vaccini è uno shock per il modo scientifico perchè non è concepibile che all’interno della cellula si sviluppi “una bipolarità infettiva” come invece accade a causa di questi vaccini. Con lui abbiamo parlato qualche giorno fa e l’intervista la trovate qui. Mentre se volete leggere le parole della relazione depositata le riporto qui di seguito.

Qui la relazione dal titolo FUNZIONALITA’ ED EFFETTI CLINICI DEI VACCINI ANTI SARCOV2 detti a mRNA

E’ opportuno considerare sia il comportamento del Sars Covid al suo apparire, che due strutture cellulari : il genoma del nucleo cellulare ed i mitocondri. Nel nucleo c’è il Dna nucleare, nei mitocondri c’è un altro Dna: il Dna mitocondriale. Al suo apparire il Covid-19 si è espresso in tre modi: 5 – 7% dei pazienti con gravi polmoniti, necessità di terapia intensiva con alta incidenza di prognosi infausta; 35 – 40% ricoveri ospedalieri bisognosi di continuo monitoraggio diagnostico e terapeutico; 60% asintomatici. Com’è possibile che un virus abbia un comportamento così marcatamente disomogeneo? Il Covid-19 o per evoluzione naturale o per mano umana è capace d’inserire il suo genoma ad Rna anche nel Dna mitocondriale e quando lo fa mostra il peggio di sé. Ciò premesso che fanno i vaccini ad mRNA di Pfizer e Moderna? Integrano anche essi l’Rna virale del covid-19 nel genoma mitocondriale occupando così la sede che, se occupata dal virus, scatena la sua sindrome severa. Così operando i vaccini ad mRNA, prima di tutto non hanno la conformazione funzionale dichiarata, ed, in secondo luogo pur creando una risposta anticorpale essa risulta inefficace. Bisogna notare che per fare un vaccino con funzioni mimetichetopiche prettamente cellulari bisognava sapere da subito che SARS-Cov2 si poteva integrare anche nel DNA miticondriale; ma nessuno l’ha mai detto. A questo punto è doveroso sospendere l’uso di questi vaccini ad mRNA e vedere veramente di che “ pasta “ sono fatti”.

AD MAIORA

PRIMA CAUSA IN ITALIA CONTRO PFIZER E MODERNA : “IL VACCINO È UN FALSO SCIENTIFICO” ED È “PERICOLOSO”.

IL DOTT. RAFFAELE ANSOVINI FA CAUSA A PFIZER E MODERNA.





Intervista al dott. Ansovini censurata da you tube e facebook

Il dott. Raffaele Ansovini è un ricercatore impegnato nello studio dei vaccini e dei virus da oltre 30 anni, marchigiano di origine, ha preso il coraggio a due mani e ha fatto causa a Pfizer e Moderna facendo aprire il fascicolo Ansovini vs Pfizer & Moderna. Un gesto forte al punto che la magistratura esita a dare seguito agli accertamenti. Di fatto però il dottore è molto sicuro delle sue affermazioni, per lui non ci sono dubbi, i vaccini “sono pericolosi” e lo ha scritto nero su bianco nella denuncia che ha presentato il 7 marzo scorso alla procura di Urbino. Ansovini chiarisce che la pericolosità è dovuta al fatto che “non è controllabile la loro meccanica funzionale” e proprio questo limite potrebbe essere la causa delle morti improvvise che il dottore spiega definendole infarti provocati da “crampi al ventricolo”.

Ma non solo, ci sarebbe un altro aspetto molto grave da evidenziare, dice il dott. Ansovini, e cioè, che normalmente, una cellula è infettata solo da un virus, mentre questi vaccini attivano una doppia infezione che la natura umana “non ha mai sopportato né avuta”.  

Inoltre, e ancora non ci sono dubbi nelle sue parole, “i vaccini sono “altamente sperimentali” , “esprimono un concetto camuffato” e solo per questo dovrebbero essere fermati. Parla anche del grafene: per lui è una nanotecnologia, impiegata come un veicolante per far uscire i vari componenti nel periodo di integrazione nei mitocondri.

E infine alla domanda “c’è una soluzione per recuperare la salute delle persone vaccinate?” La risposta è affermativa ma è fondamentale bloccare la quarta dose. Perché mentre i danni provocati dalle tre dosi si potranno arginare, quelli della quarta no.

E quale sarebbe la soluzione? Il vaccino della poliomielite.

Un quadro serio quello che ha delineato e a fronte del quale il magistrato sulla cui scrivania è finita la denuncia del dott. Ansovini, invece di far scattare le indagini per garantire la tutela e la sicurezza di tutta la popolazione teme più per il procurato allarme che ne potrebbe derivare e non procede.

Così facendo però rischiamo che, se avesse ragione il dottore Ansovini, la magistrata della Procura di Urbino si renderebbe complice di una strage e forse questo qualcuno dovrebbe ricordarglielo. Alla fine non sarebbe meglio scoprire che il dott. Ansovini ha torto che dover constatare che aveva ragione ma non è stato fatto quello che si sarebbe potuto per salvare molte vite?

E in tal caso si potrà parlare di strage di Stato complice la magistratura?

Marianna Maior

ASSENZA DEI DOCUMENTI COMPROVANTI EFFICACIA E SICUREZZA DEI VACCINI ANTICOVID.

GLI AVVOCATI DELLE ASSOCIAZIONI IDU e DUS CHIEDONO L’ACCESSO AGLI ATTI AD AIFA.

E ANCORA: SONO FALSATI I DATI DEGLI EFFETTI AVVERSI NEL MEDIO E LUNGO PERIODO?

Case farmaceutiche ed AIFA affermano di non conoscere gli effetti avversi dei vaccini anticovid19 nel medio e lungo periodo, tuttavia, limitano l’osservazione a 14 giorni dalla vaccinazione.

I legali appartenenti alle associazioni IDU e DUS continuano la loro battaglia e mettono il dito in un’altra piaga del sistema di farmacovigilanza gestito da Aifa. .

Infatti, come potrete ascoltare nell’intervista video qui riportata, uno dei legali dell’IDU, l’avv. Iapichino, afferma che l’AIFA nel rapporto annuale n. 10, relativo al periodo ,dicembre 2020 e dicembre 2021- comunicato a febbraio 2022- a pag. 25, l’Agenzia di farmacovigilanza dichiara chiaramente che considera correlabili alla somministrazione dei vaccini anticovid19, solo le morti che accadono entro 14 giorni dalla vaccinazione stessa.

E’ evidente a chiunque che detto limite ha dell’illogico. Infatti, come è possibile restringere il periodo ai soli 14 giorni? E come verificherebbero quindi gli effetti nel lungo periodo? E in base a quale studio scientifico gli effetti avversi si dovrebbero fermare al quattordicesimo giorno dalla somministrazione?

Gli avvocati delle due associazioni che si stanno dimostrando determinati ad andare a fondo in merito all’efficacia e sicurezza dei vaccini, hanno quindi inviato il 4 agosto 2022 ad AIFA una richiesta di accesso agli atti con la quale chiedono all’ente:

  1. Il criterio scientifico e/o normativo secondo cui il decesso causato dai vaccini anticovid19 (peraltro ancora sottoposti al regime di autorizzazione condizionata) possa manifestarsi solo entro 2 settimane dalla somministrazione;
  2. La motivazione tecnico scientifica e/o normativa che ha indotto la S.V. ( AIFA) a non estendere il periodo di osservazione oltre le due settimane dalla somministrazione.

Quesiti chiari e che ricordano come dati e studi scientifici debbano essere alla base di ogni decisione e comportamento assunti dalle istituzioni sanitarie. La scientificità è fondamentale perché ricordo che stiamo parlando della salute di milioni di persone. Solo in Italia è stato vaccinato l’85 % degli italiani. Tutte persone che si sono affidate alle istituzioni sanitarie statali. Ma la domanda ora è: Le istituzione si sono affidate alla scienza? E se sì, come davvero ci auguriamo per il nostro bene, dove sono gli studi scientifici? Perché non li esibiscono?

Ritornando alle associazioni IDU e DUS, nella missiva, ricordano di effettuare le richieste “in quanto portatrici di interessi collettivi e pubblici soprattutto in ambito sanitario e medico” e chiudono la lettera dichiarando che “in caso di omesso riscontro segnaleranno la questione alla competenti autorità ivi compresa la magistratura.” Anche se forse, la magistratura, considerata la delicatezza e la gravità della situazione, dovrebbe già intervenire e procede d’ufficio.

Rimaniamo in attesa di ulteriori sviluppi

Ad Maiora

PS. Nell’intervista ricordo (ma senza indicare nome degli enti interessati) che  Biontech ha scritto in un testo destinato all’agenzia americana SEC (Securities and Exchange Commission) “NON SIAMO SICURI DI DIMOSTRARE L’EFFICACIA E LA SICUREZZA SUFFICIENTI DEL NOSTRO VACCINO COVID 19 NECESSARIE PER OTTENERE L’APPROVAZIONE PERMANENTE….”  DEL VACCINO IN GIURISDIZIONI NELLE QUALI IL VACCINO È STATO AUTORIZZATO PER USO DI EMERGENZA O CONDIZIONATO. per maggiori informazioni al riguardo rinvio al mio pezzo che trovate qui.

Taiwan: “DOPO LA RIUNIFICAZIONE FAREMO LA RIEDUCAZIONE” parole dell’AMBASCIATORE CINESE in Francia

Si chiama Lu Shai è l’ambasciatore cinese in Francia, ed è stato ospite di BFM TV mercoledì scorso. Invitato a parlare della situazione a Taiwan, in particolare dopo la visita della Segretaria di Stato americana Nancy Pelosi, l’ambasciatore ha detto che la visita americana all’isola ha determinato l’aumento della tensione tra Cina e America: se la Segretaria di Stato americana , non fosse andata a Taiwan, in poche parole, non ci sarebbe stata le reazione cinese. E fin qui non gli si può dare tutti i torti. Ma è verso la fine dell’intervista che viene la pelle d’oca, quando in sostanza l’ambasciatore afferma che dopo aver riunito il popolo di Taiwan con quello cinese ( non escludendo l’uso delle armi se necessario) , bisognerà RIEDUCARE IL POPOLO DI TAIWAN .

All’ambasciatore cinese e soprattutto ai cittadini oggi di tutti gli Stati e non solo a quelli cinesi credo che il filosofo francese Albert Camus risponderebbe così: “L’unico modo per affrontare un mondo non libero è diventare così liberi che la vostra stessa esistenza diventi un atto di ribellione”.

Ad maiora  

NEO PARTITI NON ALLINEATI: SE RIUSCISSERO AD UNIRSI POTREBBERO RAPPRESENTARE IL METEORITE CHE FECE ESTINGURE I DINOSAURI?

Per i partiti non allineati al sistema, quelli nati in risposta alla gestione (pessima) della pandemia della vecchia politica l’unica soluzione di arrivare nelle schede elettorali degli italiani, visti i tempi strettissimi ( si andrà a votare il 25 settembre), pare sia quella di unirsi, attraverso un patto federativo.

La difficoltà per loro è quella di riuscire a raccogliere il numero di firme necessarie: 36.750 per la Camera e 19.500 per il Senato e con stringenti requisiti sui collegi.

Esentati dalla raccolta firme sono ad oggi solo le liste e i partiti che hanno costituito un gruppo in almeno una camera prima del 31 dicembre 2021, o che alle ultime elezioni abbiano ottenuto almeno un seggio, o che abbiano contribuito all’attribuzione di seggi per i propri alleati in una coalizione avendo più dell’1% (anche se meno del 3%).

In altre parole sono praticamente esentati tutti i partiti che hanno appoggiato il governo Draghi e comunque tutti i partiti che in un modo o nell’altro guidano questo paese da anni. Resterebbero esclusi quindi tutti i nuovi partiti, e il sospetto è che elezioni così vicine siano state programmate proprio per escludere il dissenso viene.. come diceva Andreotti a penar male si fa peccato ma spesso si indovina.

Che fare? L’unica soluzione che sarebbe segno di grande intelligenze e saggezza già proposta da molti cittadini, è quindi proprio quella di unirsi.

Ovvero, tutti i partiti nuovi, che hanno già nel dna molti punti in comune, potrebbero presentarsi uniti alle elezioni creando un patto federativo: “ Se c’è volontà di dare una risposta alla richiesta di unione degli italiani, ci si siede ad un tavolo e si trova un accordo, anche senza rinunciare alla propria identità, con un patto federativo” fanno  sapere Erich Grimaldi presidente di UCDL e Olga Milanese del Comitato Referendum No Green Pass.

L’avv. Grimaldi con il suo gruppo ha infatti lanciato l’invito ad unirsi a tutte le forze antisistema e la risposta, fa sapere  “è stata entusiasta”.

È evidente che la presenza dei principali gruppi che intendono concorrere alle elezioni è indispensabile per attuare quella unione che il Congresso si propone come scopo. Alcuni tentano di giustificare la propria defezione adducendo motivi francamente inconsistenti. Se c’è volontà di dare una risposta alla richiesta di unione degli italiani, ci si siede ad un tavolo e si trova un accordo, anche senza rinunciare alla propria identità, con un patto federativo.” fanno sapere Erich Grimaldi presidente di UCDL e Olga Milanese del Comitato Referendum No Green Pass che hanno firmato una nota congiunta nella quale scrivono anche “Le firme, uniti, si raccolgono in un quinto del tempo che sarebbe necessario a ciascuno procedendo singolarmente. Ma Aggiunge per far questo bisogna avere a cuore il bene degli italiani…”

L’evento si terrà domani 30 luglio 2022, dalle ore 10, in Roma alla Villa Barberini, via Bertoloni n. 45, “con tutte le forze che hanno aderito, i movimenti ed i gruppi che hanno lottato in questi due anni al fianco delle persone perseguitate dalle misure governative, che hanno la reale percezione della sofferenza dei cittadini e che sono, quindi, realmente portavoce delle istanze della popolazione.”

Di certo presentarsi uniti lasciare da parte i personalismi e l’ego, a fronte di tutto quanto ha esibito la politica italiana negli ultimi anni sarebbe già una bella vittoria per questi neo partiti che, se consapevoli del loro potere , oggi potrebbero rappresentare davvero il meteorite che fece estinguere i dinosauri…

AD MAIORA

FACEBOOK CENSURA ANCHE “IL FATTO QUOTIDIANO”: “META” LA DITTATURA

Domenica 24 luglio su Il Fatto Quotidiano è stato pubblicato l’articolo “Rischio per anticorpi post vaccino: possibili malattie autoimmuni” che riporto in foto. Questo articolo io l’ho condiviso su Facebook limitandomi a riportare nella parte dedicata al commento un estratto dell’articolo. Risultato: bloccata per due giorni.

Di cosa parla il pezzo firmato da Peter D’Angelo? Di una ricerca condotta dall’Azienda Sanitaria di Alessandria dalla quale è emerso che dall’analisi di 77 sanitar,i dopo la vaccinazione, sono possibili malattie autoimmuni. In particolare ho riportato questo pezzo dell’articolo: “I dati ottenuti suggeriscono che questi nuovi vaccini a mRna possano essere in grado di indurre un’alterazione dell’assetto autoimmune, ma questi auto-anticorpi potrebbero essere anche solo transitori, infatti, gli stessi possono essere presenti in una parte delle popolazione sana, statisticamente più piccola, negli anziani, e nei parenti di primo grado di pazienti con malattie autoimmuni”.

E ho aggiunto poi: “Responsabile della ricerca, Maria Cristina Sacchi, che coordina il centro di autoimmunità presso il laboratorio di Analisi e autoimmunità dell’Azienda ospedaliera di Alessandria, diretto da Maria Matilde Ciriello”.

Non ho fatto alcun commento personale come vedete, non ho aggiunto nulla. Ho solo riportato un articolo che è pubblicato in Italia in uno dei quotidiani più seguiti e che per le leggi italiane può essere tranquillamente pubblicato. Perché Facebook lo ha eliminato dalla mia pagina? Perchè mi ha bloccato per 2 giorni? In base a quale autorità? Quale il contenuto che avrebbe violato esattamente le regole della community? E soprattutto come può permettersi di censurare un articolo di giornale in questo caso de “Il Fatto Quotidiano”? Non è forse una censura alla stampa seppur indiretta?

E inoltre, non sa Facebook che i principi democratici e costituzionali non si fermano davanti alla porta di un’azienda privata? La libertà di pensiero non vale forse in ogni luogo, pubblico o privato che sia e in particolar modo se per attività aziendale si ha quella di permettere alle persone di comunicare e scambiarsi opinioni? Io ritengo che la magistratura italiana dovrebbe intervenire per ricordare e far rispettare a Facebook e a Mark Zuckerberg i principi fondanti della nostra società, e tra questi la libertà di espressione. E mi rivolgo anche e soprattutto con questo pezzo a Il Fatto Quotidiano affinchè intervenga su questo episodio perché in concreto è l’articolo de Il fatto ad essere stato censurato. E chiedo pertanto a questo quotidiano e al suo direttore Marco Travaglio di non lasciar passare questi episodi che sono piccoli gesti che un po’ alla volta stanno mettendo il cappio alla libertà di pensiero , e conseguentemente anche l’informazione.

Ad Maiora Marianna Maior

VACCINAZIONI ANTICOVID: L’OMBRA DELLA GIUSTIZIA SI ALLUNGA SUI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E SUI MEDICI VACCINATORI

Spedite 13 diffide contro i Presidenti degli Ordini delle Professioni Sanitarie

Un’altra diffida è da oggi sulle scrivanie di tutti i presidenti degli ordini delle professioni sanitarie quali quelle dei Medici, Farmacisti, Infermieri, Ostetriche, Biologi, Psicologi, Veterinari, Radiologi, Tecnici di laboratorio. Molti dei quali si erano distinti pochi giorni fa – ne ho parlato qui – per aver sottoscritto congiuntamente, ma senza interpellare i propri iscritti, l’accorato appello al Premier Draghi pregandolo di non “lasciare solo chi, da oltre due anni con competenza e dedizione, combatte in prima linea la battaglia, ancora in corso, contro la covid 19″.

Ebbene non tutti concordano sulla competenza e dedizione di cui si vantano. Anzi, molte sarebbero le violazioni anche gravi che vengono loro rinfacciate. In particolare 13 fra Comitati e Associazioni (Istanza Diritti Umani IDU, Diritti Umani e Salute DUS, Avvocati per la Libertà, Avvocati Liberi, Avvocati per le liberta e i diritti ADL, Associazione Arbitrum), alcune di loro composte da soli avvocati e altre dirette a difendere i diritti umani, la salute, i danneggiati dalle vaccinazioni covid, hanno messo nero su bianco la sfilza di violazioni che ad oggi le istituzione e gli ordini professionali avrebbero commesso in materia di vaccinazione. La diffida è partita dai legali di IDU (Istanza Diritti Umani), Enzo Iapichino e Antonio Petrongolo, per intenderci gli stessi che insieme ai legali dell’associazione DUS (Diritti umani e salute) hanno scoperto che le istituzioni italiane non posseggono i documenti necessari per verificare l’efficacia e la sicurezza dei vaccini anti Covid. Quegli stessi documenti che le Case Farmaceutiche avevano l’obbligo di depositare in virtù delle Determine nn. Rep. 154/2020, Rep. 1/2021, Rep. 18/2021, Rep. 21/2021, emesse dall’AIFA.

Scoperta che ha portato il pool di legali a presentare presso la Procura di Roma una querela contro Aifa, Ministero della Salute,  Cts (Comitato tecnico scientifico) e l’Iss (Istituto superiore di sanità), tutti accusati di aver commesso i reati di omissione d’atti d’ufficio, abuso d’atti d’ufficio, omicidio colposo, lesioni personali, falsità ideologica, procurato allarme, falso in atto pubblico, nonché un Ricorso al TAR Lazio da parte dell’Avv. Andrea Oddo di IDU per reperire tale documentazione. Ma questa circostanza rappresenta solo una delle tante violazioni gravi indicate nella diffida appena inviata agli ordini, trasmessa per la prima volta lo scorso 18 luglio da IDU e, successivamente, inviata con un documento congiunto da tutte le altre Associazioni. Entriamo nel merito.

Innanzitutto, rileva sottolineare che il motivo per cui vengono diffidati gli ordini e perché “si sono attivamente resi partecipi alla campagna vaccinale anticovid, assumendo decisioni in merito alla sospensione degli iscritti dei propri albi, senza verificare la sussistenza dei requisiti di legge, senza preoccuparsi del danno e delle possibili reazioni avverse, esponendo gli inoculati ad un serissimo pericolo per la propria vita senza verificare la sussistenza della documentazione normativa e scientifica comprovante efficacia e sicurezza dei sieri anticovid.” Gli ordini, leggiamo nella diffida, sono infatti “Enti Pubblici che agiscono quali organi sussidiari dello Stato al fine di tutelare gli interessi pubblici, garantiti dall’ordinamento connessi all’esercizio professionale, (….) e sono  quindi direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti.” In altre parole, con la diffida si contesta agli ordini che avendo il potere di dissentire, non hanno “disapplica(to) quelle norme lesive del diritto alla salute e del diritto al lavoro, nonché palesemente discriminatorie e lesive dei principi Costituzionali.”

Le contestazioni sui vaccini anticovid sono diverse, e alcune di queste riguardano il comportamento omissivo da parte degli Ordini Professionali: 

non sono stati oggetto di studi sulla genotossicità e cancerogenicità. 

non hanno mai ricevuto dall’Agenzia Europea EMA o dall’Agenzia Italiana AIFA l’autorizzazione permanente alla commercializzazione, bensì “l’autorizzazione condizionata”, la quale è subordinata al rispetto di precise condizioni, ovvero l’obbligo per le case farmaceutiche di depositare, entro una precisa tempistica, “rapporti e relazioni di sicurezza” al fine di dimostrare, già nel breve periodo, e a tutela della Salute Pubblica, la sussistenza degli imprescindibili requisiti di “efficacia” e “sicurezza”. E inoltre,

l’eterologa (dosi di vaccini diversi somministrati alla stessa persona), la terza e la quarta dose, per stessa ammissione del Comitato Tecnico Scientifico, sarebbero prive degli studi di Fase II pubblicati a supporto dell’utilizzo off label cioè fuori etichetta, senza considerare che l’elenco della legge 648/96 che disciplina l’uso dei farmaci off label e che permette ai medici di verificare la regolarità dell’utilizzo off label, non è mai stato aggiornato (dopo l’uscita in G.U. delle indicazioni autorizzate) per nessuna delle indicazioni proposte, pertanto nessun medico vaccinatore avrebbe potuto, se non violando la legge, vaccinare alcun paziente. “Nessun consenso informato può ritenersi tale se mancano gli studi attraverso i quali i medici vaccinatori avrebbero dovuto effettuare una corretta e completa valutazione rischi/benefici. 

Il documento chiude diffidando gli ordini in persona dei Presidenti pro tempore, ad emettere per il futuro qualsiasi provvedimento di sospensione, intimandoli a revocare con efficacia immediata i provvedimenti di sospensione già emessi, in quanto costituiscono una grave lesione dei diritti oltre che un notevole pregiudizio economico per i Sanitari sospesi, ma ancor più grave è che la diffida chiude con l’affermazione che gli ordini saranno ritenuti responsabili di tutti i pregiudizi economici che verranno arrecati, nonché di reazioni avverse e/o di decessi a seguito dell’inoculazione dei vaccini anticovid, per cui le associazioni, si riservano, nel caso, di procedere penalmente nei loro confronti per tutti i reati che si potranno ravvisare nelle future condotte, come peraltro già fatto nei confronti dei Dirigenti delle Istituzioni Nazionali. E ancora,  altro punto gravissimo, nella diffida si afferma che sia venuta meno l’esimente garantita dallo “scudo penale”, onde per cui, in caso di reazione avversa, di ogni genere e natura, procurata e cagionata dalla somministrazione vaccinale, la responsabilità sarà a ascrivibile ai presidenti degli ordini professionali. 

Insomma se fossero confermate, come pare, tutte le violazioni indicate nella diffida ai presidenti degli ordini dovrebbero tremare i polsi, ma anche a noi cittadini, che abbiamo subito un trattamento sanitario praticamente obbligatorio per scoprire poi che non esistevano basi scientifiche sufficienti a garantire la nostra salute.

.

Caso Puzzer: Dopo la sentenza del Tar del FVG quali conseguenze per l’ex Questore di Pordenone? Il Deputato Andrea Colletti in Parlamento ne chiede al Ministro dell’Interno la rimozione “Per manifesta inidoneità”

Il deputato Andrea Colletti – per la cronaca uno di quelli che il 18 febbraio 2021, ha votato contro la fiducia al governo Draghi e per questo motivo è stato espulso dal Gruppo Parlamentare del Movimento 5 Stelle- alla camera con un’interrogazione in commissione affari costituzionali ha chiesto al ministro dell’Interno se “intenda assumere iniziative per sanzionare la condotta dell’ex Questore di Pordenone, Marco Odorisio, oggi questore di Monza e Brianza, rimuovendolo dall’incarico per manifesta inidoneità”. La richiesta è motivata in considerazione dell’esito del processo relativo ai fatti che si verificarono a Pordenone il 15.12.21 e che costarono a Stefano Puzzer un ingiusto Daspo di tre anni. Il 13 luglio 2022 infatti il Tar del FVG non solo ha revocato il Daspo ma ha ricostruito magistralmente tutti i fatti. La sentenza come ho già avuto modo di dire è un capolavoro. Vi riporto qui solo alcuni brevi passaggi che vi faranno comunque comprendere il perchè della richiesta del on. Andrea Coletti:

1.“Violazione di legge – art. 1, comma 1 lett. c) del D. Lgs. 159/2011 – Eccesso di potere per carenza dei presupposti, travisamento dei fatti”…


2.“Eccesso di potere per sviamento, violazione di legge art. – art. 1, comma 1 lett.
N. 00109/2022 REG.RIC. c) del D. Lgs. 159/2011 in relazione agli artt. 16, 21 e 27 Costituzione”, con cui censura il provvedimento opposto essenzialmente perché emesso a causa della posizione critica espressa in varie occasioni dal ricorrente nei confronti delle politiche governative, che giammai può, in uno Stato democratico, portare l’Autorità a considerare coloro che semplicemente manifestano liberamente il proprio pensiero «pericolosi socialmente e dediti ad attività criminali». E’ stato, dunque, colpito solo in quanto simbolo del dissenso.

3.“Violazione di legge – 2 del d.lgs. 159/2011 – Eccesso di potere, motivazione carente e del tutto illogica con riferimento alla durata del provvedimento dd. 15.12.2021”, con cui contesta che nel provvedimento non vengono in alcun modo esplicitate le ragioni per cui la sua durata è pari a quella massima di legge, il che “non fa che confermare la natura meramente politica del provvedimento adottato, che non è stato soppesato sulla pericolosità reale del soggetto con riferimento al luogo da cui lo stesso veniva allontanato (…), e la volontà di segnare il sig. – omissis – con uno stigma a titolo non preventivo ma educativo, esemplare e punitivo nei confronti della comunità di coloro i quali hanno <osato> criticare l’operato di chi detiene il potere”.

PLEASE DON’T GO: LA SERENATA STONATA DI ORDINI PROFESSIONALI , SINDACI E RETTORI AL BALCONE DI MARIO DRAGHI. “L’UOMO FORTE AL COMANDO” SI È DIMESSO

MARIO DRAGHI

9 sigle appartenenti a 9 ordini afferenti le professioni sanitarie quali quelle di Psicologi, Infermieri, Assistenti Sociali, della Professione Ostetricia, dei Biologi, etc etc hanno preso la briga di scrivere e sottoscrivere “a nome delle donne e degli uomini delle professioni sociosanitarie (avranno poi chiesto il parere di tutti?) quello che loro stessi definiscono nel comunicato “un accorato appello all’unità e alla responsabilità al Presidente Draghi, al Ministro Speranza, a tutte le forze politiche e sociali, ad ogni singolo rappresentante delle istituzioni” . E ancora, scrivono: “Non è il tempo di lasciare solo chi, da oltre due anni con competenza e dedizione, combatte in prima linea la battaglia, ancora in corso, contro la covid 19″.

“Non è tempo di lasciare solo”. Cosa vorrà dire davvero questa frase? Non è che stiano subodorando un certo cambio di rotta?

Mi spiego. Negli ultimi due mesi la magistratura ha iniziato a rispondere, vuoi con ordinanze, vuoi con sentenze, vuoi con decreti, alle migliaia di ricorsi che i lavoratori, in particolare quelli delle professioni sanitarie, hanno presentato proprio contro le sospensioni imposte dai loro ordini e che hanno impedito loro di lavorare e di poter guadagnare per vivere, di poter provvedere al loro sostentamento. E le risposte non sono proprio a favore degli ordini. Alcune meritano di essere ricordate, quali ad esempio il decreto d’urgenza, firmato il 6 luglio scorso dal Tribunale di Firenze dal giudice della seconda sezione del Tribunale civile, con il quale l’autorità giudiziaria ha sospeso temporaneamente il provvedimento dell’Ordine degli Psicologi della Toscana che vietava ad una dottoressa di Pistoia di esercitare la sua professione di psicologa perché non vaccinata. La sentenza – che afferma che la psicologa potrà esercitare è ricca di obiezioni in merito a efficacia e sicurezza dei vaccini. Il provvedimento infatti oltre a decretare che la sospensione “afferma anche che i vaccini non impediscono la malattia e non assicurano condizioni di sicurezza in ambito sanitario per cui è irraggiungibile lo scopo che la vaccinazione obbligatoria si prefigge, così come affermato dagli stessi rapporti dell’AIFA.

La giudice afferma poi in merito all’art. 32 cost. che, anche volendo prescindere dalla riserva di legge, non è applicabile proprio in virtù della assenza dei benefici alla collettività (riferendosi all’esplosione di contagi nonostante l’enorme vaccinazione ), e ancora scrive che l’art. 32 “. E inoltre “. Infine, afferma la giudice . E questa è una.

Ma ricordo che prima ancora c’è stata la sentenza del Tribunale di Padova del 28 aprile 2022 con la quale il giudice ha affermato che l’obbligo vaccinale viola la Costituzione e, pertanto, “l’operatrice socio-sanitaria che ad esso si è sottratta deve essere immediatamente riammessa in servizio”, e ancora, la sentenza del Tar di Ivrea-sezione lavoro- del 15 marzo 2022 , che ha condannato ’Asl To3 al reintegro dell’Operatrice socio sanitaria “no vax” che aveva sospeso. E poi ci sono diverse ordinanze del Tar della Lombardia che hanno sospeso l’efficacia dei provvedimenti emessi dall’ordine dei veterinari a danno di loro iscritti nella parte in cui non permettono alla professionista di svolere la propria professione nemmeno “con modalità da non implicare contatti personali di prossimità, siano essi con animali o con uomini, o comunque il rischio della diffusione del contagio da sars cov 2”.

Il 16 Luglio il Tar del FVG rispetto ad una docente ha pubblicato un’ordinanza con la quale ha accolto il ricorso di una lavoratrice che era stata sospesa perché non vaccinata contro il Covid. I giudici del tribunale amministrativo friulano hanno chiarito che il termine di 90 giorni stabilito per imporre la vaccinazione dopo la guarigione non è indicato né in un decreto nè in una circolare, bensì in una nota del Ministero della Salute emanata in risposta ad una richiesta di chiarimenti da parte della Federazione degli Ordini dei medici (Fnmoceo). Mentre la circolare del Ministero datata dicembre 2021 indica come termine 120 giorni, ma solo in riferimento alla somministrazione della terza dose nei soggetti guariti. In conclusione , il Tar del Friuli Venezia Giulia considera un’altra circolare della Direzione generale della Prevenzione sanitaria del Ministero della Salute (n. 32884/2021 del 21 luglio 2021), secondo cui è «possibile considerare la somministrazione di un’unica dose di vaccino anti-SARSCoV-2/COVID-19 nei soggetti con pregressa infezione da SARS-CoV-2 (decorsa in maniera sintomatica o asintomatica), purché la vaccinazione venga eseguita preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa e comunque non oltre 12 mesi dalla guarigione». Che non sono nè tre nè quattro mesi.

E questa analisi fa già capire quanta confusione il Ministero abbia saputo fare, tra l’altra stabilendo termini a caso, cioè senza alcuno studio o ricerca a supporto non solo delle tempistiche ma anche della effettiva necessità di una vaccinazione in soggetti che abbiano già incontrato e superato la malattia.

Detto questo comunque il punto è che per gli ordini professionali nei Tribunali non tira una buona aria. E ripeto non sarà a questa situazione che si riferiscono quando dicono “Non lasciateci soli? Adesso che bisogna tirare le somme di tanti atteggiamenti perpetrati per due anni a danno dei lavoratori, e non solo?

PLEASE DON’T GO : APPELLI SCRITTI A NOME DI CHI?

Dovrebbe lasciare davvero molto perplessi anche che degli ordini – e non solo loro- si stiano pronunciando rispetto a questioni meramente politiche che non competono loro, mi chiedo poi a che titolo lo fanno. Non mi risulta infatti che agli iscritti sia stato chiesto nulla. Ergo i presidenti degli ordini hanno agito senza una delega, si sono auto proclamati portatori della volontà degli iscritti. Ma non sono i soli ad essere andati ben oltre le proprie competenze. Anche 2000 sindaci ( in Italia abbiamo 7904 comuni) senza passare nemmeno per i consigli comunali, hanno esternato con una lettera pubblica la stessa richiesta a Draghi, arrogandosi un potere che non gli competeva: a nome di chi hanno scritto quella lettera? Hanno esternato la volontà di chi? Chi li ha delegati? E così pure il rettore del politecnico di Milano anche lui si è preso la briga di scrivere due righe per implorare Mario Draghi di non andare via e così pure hanno fatto altri protagonisti della scena internazionale, quali gli Stati Uniti, La Nato, la Bce, la Commissione UE, Goldmann Sachs, che nella penisola a forma di stivale hanno ancor più peso dei protagonisti nazionali e a quanto pare dei cittadini italiani.

RIFLESSIONE

Detto questo dovrebbe far riflettere e molto come in questo momento, tutti i centri di potere si siano agitati all’idea che Draghi giri i tacchi e se ne vada, per due ragioni almeno, la prima è che a gran parte della politica importa poco e niente cosa pensino gli unici che avrebbero il diritto ad esprimersi ovvero i cittadini italiani. La seconda è che, stando a PD, Italia Viva, Leu e agli altri compagni pro Draghi , oltre a Draghi, non ci sia nessuno in grado di guidare il paese. Le risorse umane dei partiti sono cioè non scarse, proprio nulle. A quanto pare per loro non ci sono politici all’altezza di guidare questo Paese, a parte Draghi. E a Lui questi partiti si aggrappano come bambini che non sanno nuotare in mare e, in preda alle convulsioni del pianto, terrorizzati nel dover assumersi la responsabilità di fare quello che dovrebbe essere il loro compito, urlano in tutti i modi a Draghi di non andare via.

Adesso stiamo a vedere come va a finire. Draghi il 20 luglio ha ottenuto la fiducia con soli 95 voti favorevoli: il risultato più basso che il governo ha ottenuto in questa legislatura e con il “Non voto” di Forza Italia, M5s e Lega. Alla camera in sua difesa Draghi ha ripetuto che sono gli italiani a chiedere che lui resti e mi viene subito da rispondergli : ma quando mai!?! Ma è chiaro che lui si riferisce ai soggetti di cui sopra ordini e compagnia bella, mossi e manovrati dalla parte politica Pro Draghi e che hanno orchestrato il teatrino delle letterine a Babbo Draghi, alla faccia della volontà degli italiani. Adesso il Primo Ministro si è dimesso ma il messaggio che ha dato una certa politica di se stessa è davvero pessimo.

Intanto le sentenze contro le decisioni degli ordini (sempre più emanazione del potere politico che degli interessi degli iscritti) però continuano ad arrivare…

LETAME SULL’ ABITAZIONE DEL MINISTRO DELL’AGRICOLTURA HENK STAGHOUWER.

IN OLANDA AGRICOLTORI, PESCATORI E VIGILI DEL FUOCO CONTRO IL GOVERNO GUIDATO DA MARK RUTTE

Almeno 30 mila i trattori che hanno occupato le strade olandesi direzione Aja, intasando 1136 km di strade. Così gli allevatori olandesi protestano contro le misure adottate dal governo Rutte.

Allineato con Bruxelles quanto a politiche ambientali,  il governo olandese ha imposto una riduzione del 30% del bestiame (suino, ovino e bovino)  ai propri agricoltori adducendo il fine di voler ottenere una riduzione, almeno del 40%, delle emissioni di azoto e ammoniaca degli allevamenti intensivi. Una riduzione così drastica e repentina che per molti allevatori si tradurrebbe nella perdita del lavoro, l’esproprio dei campi e degli allevamenti. Inoltre, a detta degli agricoltori, tale “politica” comporterebbe anche una riduzione significativa della quantità di cibo per la popolazione. E il messaggio gli agricoltori lo fanno arrivare forte e chiaro bloccando la distribuzione ai supermercati. Non solo, in segno del loro forte disprezzo per le politiche adottate hanno anche sparato letame sulla casa del Ministro dell’agricoltura Henk Staghouwer.

Ma non protestano solo gli agricoltori, alla loro rivolta si è aggiunta infatti quella dei pescatori a cui il Governo olandese avrebbe chiesto di adeguare i pescherecci, in caso contrario, il prossimo anno quando saranno messi in discussione i permessi di pesca, chi non sarà in regola non lo otterrà e non potrà quindi più lavorare. In tutta risposta i pescatori si sono uniti agli agricoltori e ad Harlingen hanno bloccato il porto con pescherecci da traino, sicché i traghetti per ore non hanno potuto raggiungere le isole di Terschelling e Vlieland.

E inoltre, ultima notizia, alle proteste si sono aggiunti anche i Vigili del fuoco.

Ciò nonostante il governo Rutte non si è mosso di un millimetro e insiste nell’ottenere l’obbedienza alle nuove disposizioni di politica ambientale. Non solo alle proteste il Governo ha risposto con una repressione dura che ha visto anche la polizia sparare contro un trattore e un poliziotto colpire una donna disarmata con un pugno al volto. Comportamento agghiacciante e inammissibile. Tutto è stato ripreso e quindi documentato dai telefonini.

Ma come è possibile che un Governo metta in atto politiche così tanto contestate? Probabilmente perché manca il totale dialogo tra Governo e soggetti che dovrebbero subire le nuove politiche ambientali. Cambiamenti così importanti dovrebbero essere innanzitutto concordati con chi li subisce, ottenuti con il rispetto e l’ascolto delle parti interessate e graduali. In altre parole cambiamenti di questo tipo dovrebbero essere frutto di intese ottenute con la diplomazia e quindi con un’attività prettamente politica che vede governo e popolo interagire per il bene comune, e non imposizioni calate dall’Unione Europea.